Emissioni in atmosfera

General Introduction

Tutti abbiamo visto le nubi di smog sulle città e sappiamo che l’inquinamento è nocivo per gli esseri umani e l’ambiente. Questo smog visibile è un risultato delle emissioni in atmosfera del vostro stabilimento, ma i processi e le operazioni industriali emettono in atmosfera anche altri inquinanti invisibili che hanno un impatto sulla salute umana e contribuiscono al cambiamento climatico.

Le emissioni in atmosfera sono comunemente generate da:

  • Supporto operativo dello stabilimento: caldaie, generatori e sistemi di raffreddamento [tipicamente emettono polveri / particolati (PM10, PM2,5), vari ossidi di azoto (“NOx”), vari ossidi di zolfo (“SOx”), sostanze ozono lesive (“ODS”) e altri inquinanti atmosferici tossici].
  • Processi produttivi: attrezzature per linee di produzione e processi di fabbricazione [tipicamente emettono composti organici volatili (“VOC”), sostanze ozono lesive (“ODS”), polveri / particolati (PM10, PM2.5) e altri inquinanti atmosferici tossici].

NOTA IMPORTANTE: Vi sarà chiesto di selezionare le operazioni o i processi del vostro stabilimento che causano emissioni in atmosfera. In base a ciò che selezionerete, verrete indirizzati verso le domande Higg che meglio si applicano al vostro stabilimento. Se non avete emissioni in atmosfera derivanti dai supporti operativi del vostro stabilimento o dalla produzione, non dovrete compilare questa sezione.

La sezione Emissioni nell’atmosfera del Modulo Higg vi richiede di:

  • Tracciate la quantità di emissioni derivanti dall’operatività e dalle attività di refrigerazione del vostro stabilimento, se applicabile.
  • NOTA IMPORTANTE: Se nel vostro stabilimento si impiegano refrigeranti, vi sarà chiesto di specificare quali. Questi refrigeranti influiranno sui calcoli delle vostre emissioni di gas a effetto serra, quindi cercate di dichiarare con esattezza i dati del loro monitoraggio.
  • Tracciate la quantità di emissioni derivanti dai processi di produzione, se applicabile.
  • Elencate dispositivi di controllo / processi di abbattimento e frequenza di monitoraggio per le emissioni derivanti da operatività e refrigerazione.
  • Elencate dispositivi di controllo / processi di abbattimento e frequenza di monitoraggio per le emissioni derivanti dalla produzione.
  • Specificate i risultati della performance avanzata in ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx) e particolato (PM).
  • Specificate se il vostro stabilimento ha un processo per modernizzare le attrezzature allo scopo di migliorare le emissioni in atmosfera.

RICORDATE: la maggior parte delle emissioni fuggitive di inquinamento atmosferico provocato da refrigeranti è dovuta a rotture o perdite a carico delle apparecchiature. La domanda sulla manutenzione delle apparecchiature che vi è stata presentata nella sezione dedicata al Sistema di gestione ambientale è importante per questa sezione perché la manutenzione preventiva è uno dei migliori metodi di prevenzione delle emissioni fuggitive.

Introduzione: emissioni in atmosfera

Le emissioni in atmosfera provenienti da uno stabilimento sono comunemente generate da:

  • I vostri processi produttivi: apparecchiature della linea di produzione e processi di fabbricazione
  • I vostri supporti operativi: caldaie, generatori e sistemi di raffreddamento

I tipi di emissioni comprendono:

  • Emissioni da fonti puntuali: flusso d’aria controllato in qualche modo e rilasciato nell’atmosfera da un’unica fonte come una ciminiera. Queste emissioni possono essere correlate agli stabilimenti, come le emissioni delle caldaie, o correlate al processo, come i sistemi di scarico per l’uso di sostanze chimiche volatili.
  • Sorgenti non fonti puntuali o emissioni fuggitive: per Higg FEM, queste fonti di emissioni atmosferiche sono quelle che vengono rilasciate nell’ambiente interno o esterno generale. Queste tipologie di emissioni sono tipicamente correlate a processi come la serigrafia, la smacchiatura, la tintura, ecc.).

Qualsiasi fonte di emissioni può avere, presso il medesimo stabilimento, diversi punti di scarico. Per esempio, uno stabilimento può avere più caldaie o più camini con emissioni di processo da fonti puntuali.

Questi sono gli inquinanti comuni rilasciati nell’aria da queste attività:

  • polveri / particolati (PM10, PM2,5) – tipicamente associati a combustibili, filatura, fabbricazione di fibre sintetiche
  • vari ossidi di azoto (“NOx”) – tipicamente associati a combustibili
  • vari ossidi di zolfo (“SOx”) – tipicamente associati a combustibili
  • composti organici volatili (“VOC”) – tipicamente associati a finissaggio di tessuti, solventi, adesivi, stampa di tessuti, rameuse
  • sostanze ozono lesive (“ODS”) – si trovano comunemente nei refrigeranti, in molti smacchianti per abbigliamento e in alcuni adesivi e solventi
  • inquinanti atmosferici pericolosi o tossici – tipicamente associati a combustibili, solventi, adesivi e alcuni finissaggi per abbigliamento
  • Emissione di polveri di cotone da filatura, imbozzimatura e tessitura

Per una data fonte di emissioni (per esempio caldaie, linee o processi di produzione multipli), possono esserci varie emissioni o punti di scarico. I punti di scarico della vostra fabbrica sono la vostra più grande opportunità per controllare gli inquinanti che rilasciate in atmosfera. Ecco i più comuni punti di scarico per le emissioni in atmosfera:

  • Ciminiere, camini o sfiati (da apparecchiature di produzione o servizi aggregati ai dormitori, come una cucina)
  • Serbatoi aperti
  • Manipolazione o movimentazione di materiali polverosi
  • Applicazioni di solventi

La gestione delle emissioni in atmosfera richiede un approccio diverso rispetto alla gestione di energia, acqua e rifiuti. Le emissioni in atmosfera sono regolate su un livello prestabilito, mentre energia, acqua e rifiuti possono essere continuamente migliorati.

In questo caso, la performance della vostra fabbrica dipende davvero dall’attrezzatura di cui dispone. Se le vostre attrezzature sono vecchie o in cattive condizioni, il rischio di emissioni in atmosfera è più elevato. Le cose migliori che potete fare per garantire una buona gestione delle emissioni in atmosfera sono l’aggiornamento ad attrezzature moderne e l’attuazione di un processo rigoroso per la manutenzione e il monitoraggio delle apparecchiature esistenti.

Se vengono utilizzati CFC e HCFC (sostanze ozono lesive), devono essere prese in considerazione soluzioni per eliminare gradualmente questi gas. Una soluzione consiste nell’utilizzare prodotti chimici a basso potenziale di riscaldamento globale come gli HFO nelle applicazioni di refrigeranti, propellenti aerosol e agenti schiumogeni. Consultate il seguente elenco di refrigeranti con i numeri di riferimento per determinare quali dei vostri refrigeranti è importante monitorare e eliminare: https://www.ashrae.org/standards-research–technology/standards–guidelines/standards-activities/ashrae-refrigerant-designations.

In che modo Higg vi aiuterà a migliorare?

Per intraprendere azioni circa le emissioni in atmosfera, dovete:

  1. Conoscere normative/permessi richiesti a livello locale; sapere come funziona il processo di monitoraggio / verifica; disporre di un processo per dimostrare la conformità (sezioni Permessi e SGA di Higg FEM)
  2. Conoscere le fonti di emissioni in atmosfera della vostra fabbrica (Test di applicabilità Higg FEM)
  3. Monitorare gli inquinanti atmosferici emessi dalla vostra fabbrica (Livello 1 Higg FEM)
  4. Installare dispositivi di controllo e/o aggiornare ad attrezzature moderne (per esempio, caldaia) per soddisfare o eccedere gli obblighi o gli standard (Livello 1 Higg FEM)

Le emissioni atmosferiche dipendono spesso dalle vostre tecnologie e macchine specifiche; pertanto, è importante eseguire la manutenzione e aggiornare le attrezzature. Non esiste ancora uno standard che vi guidi su quali tecnologie sono associate a quali emissioni ridotte, ma le domande del Modulo Higg FEM vi preparano a intraprendere le azioni più dirette per gestire le vostre emissioni. Sapere come mantenere le attrezzature è un compito più adatto per un tecnico esperto in loco.

Le emissioni di gas serra non sono limitate all’uso di energia e al consumo di combustibili, ma derivano anche dalle emissioni provenienti dai processi di produzione. La sezione Emissioni in atmosfera del Facility Environmental Module misura le emissioni di gas serra non collegate all’impiego di combustibili. Se la vostra fabbrica emette gas serra da fonti senza combustione come HFC (per esempio, perdite di refrigeranti e rilascio di HF in propellenti aerosol e agenti schiumogeni) e ha dispositivi di controllo delle emissioni derivanti dalla produzione, l’Indice Higg vi aiuterà a calcolare le emissioni di gas serra come parte dell’impronta di gas serra.

Monitoraggio e quantificazione delle emissioni atmosferiche in Higg FEM

Il monitoraggio e la quantificazione accurata dei dati sulle emissioni atmosferiche nel tempo fornisce allo stabilimento e alle parti interessate una visione dettagliata delle opportunità di miglioramento. Se i dati non sono accurati, ciò limita la capacità di comprendere le emissioni atmosferiche dello stabilimento e identificare le azioni specifiche che aiuteranno a ridurre gli impatti ambientali.

Quando si stabilisce un programma di monitoraggio e di quantificazione delle emissioni atmosferiche, dovrebbero essere applicati i seguenti principi:

  • Completezza – Il programma di monitoraggio e di quantificazione dovrebbe includere tutte le risorse pertinenti (come elencato nel FEM).
  • Precisione – Garantite che i dati inseriti nel programma di monitoraggio delle emissioni atmosferiche siano accurati e provengano da fonti credibili (ad es. test delle emissioni o sistemi di monitoraggio continuo basati su principi di misurazione scientifica consolidati o stime ingegneristiche, ecc.)
  • Coerenza – Utilizzate metodologie coerenti per tenere traccia delle emissioni atmosferiche che consentono il confronto delle emissioni nel tempo. Se sono presenti modifiche nei metodi di tracciamento, nelle fonti o in altre operazioni che influiscono sui dati delle emissioni atmosferiche, è necessario documentarle.
  • Trasparenza – Tutte le fonti di dati (ad es. relazioni dei test), le ipotesi utilizzate (ad es. tecniche di stima) e le metodologie di calcolo devono essere divulgate negli inventari di dati ed essere prontamente verificabili tramite registri documentati e prove a sostegno.
  • Gestione della qualità dei dati – Le attività di garanzia della qualità (interne o esterne) dovrebbero essere definite ed eseguite sui dati delle emissioni atmosferiche, nonché i processi utilizzati per raccogliere e tenere traccia dei dati per garantire che i dati indicati siano accurati.

I principi di cui sopra sono adattati dal Greenhouse Gas Protocol – Capitolo 1: GHG Accounting and Reporting Principles.

Test di applicabilità

Per determinare se dovete completare le domande della sezione Emissioni nell’atmosfera, dobbiamo valutare se il vostro stabilimento ha importanti fonti di emissioni in atmosfera. Le emissioni in atmosfera possono provenire dalle attrezzature per la lavorazione dei materiali E/O dalle caldaie che generano vapore per l’operatività.

Vi verrà prima chiesto di selezionare quali operazioni o processi sono presenti nel vostro stabilimento. In base a ciò che selezionerete, verrete indirizzati verso le domande Higg che meglio si applicano al vostro stabilimento

  • Se nel vostro stabilimento ci sono apparecchiature che emettono in atmosfera (per esempio, caldaia), risponderete alle domande di tutti i livelli riguardanti le emissioni derivanti dall’operatività.
  • Se nel vostro stabilimento ci sono processi produttivi che generano emissioni in atmosfera (per esempio, solventi o adesivi), risponderete alle domande del Livello 1 sulle emissioni da produzione
  • Se non generate emissioni in atmosfera da gestione operativa o produzione, non dovrete compilare questa sezione.

1. Does your facility contain any of the following operations equipment?

1. La vostra struttura contiene una delle seguenti apparecchiature di supporto operativo?

  • Caldaia
    • Se selezionato, qual è la misura:
      • Piccola: meno di 50 MW
      • Media: 50 MW – 300 MW
      • Grande: più di 300 MW
  • Generatori
  • Motori a combustione (es. pompe a benzina)
  • Forni industriali (per riscaldamento/asciugatura/polimerizzazione)
  • Riscaldamento a combustione (fornace) e ventilazione
  • Dispositivo contenente refrigeranti (diverso dal sistema di condizionamento dell’aria)
  • Aria condizionata (raffreddamento)
  • Altre fonti di emissioni in atmosfera note derivanti dall’operatività dello stabilimento
  • Altre fonti di composti organici volatili (VOC)

2. Il vostro stabilimento ha uno dei seguenti processi o utilizza una delle seguenti sostanze?

  • Filatura o produzione di fibre sintetiche
  • Finiture (qualsiasi processo meccanico o chimico che si verifica dopo la tintura per modificare l’aspetto, le prestazioni o la percezione del prodotto)
  • Solventi
  • Adesivi / cementazione
  • Stampa
  • Tintura
  • Tenter frame o altri processi di riscaldamento
  • Smacchiatori (* Gli smacchiatori sono sostanze chimiche utilizzate per rimuovere macchie dai prodotti finali come indumenti, copriletti, scarpe, ecc. In molti casi, i prodotti chimici a base di acetone vengono utilizzati come smacchiatori. L’attività di smacchiatura può essere eseguita online durante il processo di produzione, oppure uno stabilimento può avere una stanza dedicata per la smacchiatura.)
  • Prodotti chimici o vernici spray
  • Altre fonti di sostanze che riducono l’ozono (ODS)

3. Il vostro stabilimento monitora le emissioni in atmosfera?

Emissioni in atmosfera – Livello 1

Questions

Selezionate tutte le fonti di emissioni in atmosfera relative ai supporti operativi del vostro stabilimento

Inserite i dati per tutte le emissioni atmosferiche. Selezionate tutti gli inquinanti che possono essere associati alla stessa fonte di emissione. Questa domanda esclude le emissioni provenienti dai processi produttivi.

  • Fonte
  • Questa fonte produce emissioni?
  • Monitori le emissioni di questa fonte?
  • Quale attrezzatura è collegata a questa fonte?
  • Quali inquinanti si trovano in questa fonte?
  • Gli inquinanti sono regolamentati da un’agenzia governativa?
  • Se l’inquinante è regolato da un permesso, è conforme a questo permesso?
  • Se il vostro stabilimento non è conforme, aggiornate il piano d’azione per la sostanza rilevata
  • Se non è possibile caricare una copia, descrivete il piano d’azione
  • Se applicabile, caricate i rapporti sui test delle emissioni.
  • Osservazioni supplementari

Nota: Nella versione futura Higg FEM richiederà il monitoraggio e la quantificazione dettagliati dei dati sulle emissioni e la guida tecnica e i requisiti di verifica di seguito sono forniti come riferimento.

Qual è l’obiettivo della domanda?

Lo scopo di questa domanda è che gli stabilimenti quantifichino le emissioni atmosferiche derivanti dalle operazioni in loco. Questa domanda deve guidarvi a inventariare tutte le possibili fonti di emissioni in atmosfera dalle operazioni in loco.

Spiegazione tecnica

Le emissioni atmosferiche vengono misurate e regolamentate in diversi modi, che vengono riepilogati di seguito. Quando valutate se le vostre emissioni sono conformi, potrebbe essere necessario considerare le seguenti tipologie di standard:

Standard di qualità dell’aria: queste sono le linee guida sulla qualità, spesso associate alla salute umana all’interno di un bacino aereo. Ne sono buoni esempi gli U.S. National Ambient Air Quality Standards (https://www.epa.gov/criteria-air-pollutants/naaqs-table), gli standard cinesi sulla qualità dell’aria ambiente (GB 3095-2012) e le linee guida per la qualità dell’aria dell’OMS (https://www.who.int/airpollution/guidelines/en/). Gli stabilimenti non dovrebbero avere emissioni che creano concentrazioni di inquinanti che raggiungono o superano le pertinenti linee guida sulla qualità ambientale o contribuiscono in misura significativa al raggiungimento delle pertinenti linee guida sulla qualità dell’aria ambientale. Ciò può essere determinato solo stimandolo attraverso valutazioni qualitative o quantitative mediante l’uso di valutazioni della qualità dell’aria di base e modelli di dispersione in atmosfera per valutare le potenziali concentrazioni a livello del suolo. Alcuni paesi utilizzano misurazioni della concentrazione a livello del suolo per la valutazione normativa (autorizzazione).


Standard di emissione (concentrazione): i limiti di inquinamento atmosferico a volte sono limiti di concentrazione (ad es. ppm, mg / m3). Le autorità di regolamentazione possono impostare le concentrazioni massime delle emissioni sulla base di obiettivi generali per ridurre l’inquinamento atmosferico. Ad esempio, per le automobili, i governi possono regolamentare i limiti di concentrazione misurati negli scarichi. Lo stesso accade per la gran parte degli impianti a combustione (per esempio, le caldaie), i cui standard di emissione sono espressi in concentrazioni (per esempio, le caldaie a gas sono soggette a un limite della concentrazione di NOx pari a 320 ppm misurati nel camino). I permessi per questi piccoli stabilimenti possono anche essere basati sulle concentrazioni misurate nelle ciminiere. Non si tratta di quantità, ma possono essere utili nei calcoli o nelle stime di quantità, soprattutto quando si conoscono le portate.


Norme sulle emissioni (quantità): i limiti di inquinamento atmosferico possono anche essere misurati dalla quantità effettiva di emissioni da una fonte. Alcune autorità di regolamentazione limitano la quantità annua di emissioni da un intero stabilimento, tuttavia, altre vengono applicate alle emissioni da fonti puntuali che sono specificatamente definite o identificate da regolamenti o altri requisiti. Per quantità si intende la quantità totale di emissioni che alla fine hanno un impatto sull’ambiente.

Gli obblighi normativi per il monitoraggio delle emissioni variano in base ai requisiti normativi locali. I dati sulle emissioni e sulla qualità dell’aria ambiente generati dal vostro programma di monitoraggio devono essere rappresentativi delle emissioni rilasciate dallo stabilimento e dal processo nel tempo. Ad esempio, i dati dovrebbero tenere conto delle variazioni dipendenti dal tempo nel processo di produzione, come il processo di produzione in lotti e le variazioni stagionali del processo. È possibile che le emissioni derivanti da processi caratterizzati da grande variabilità debbano essere campionate più frequentemente o con metodi compositi. La frequenza e la durata del monitoraggio delle emissioni possono anche variare dalla continuità per alcuni parametri o input operativi in alcuni processi di combustione (per esempio, la qualità del combustibile) fino ai test condotti al camino, meno frequenti e cioè mensili, trimestrali o annuali. È anche possibile che le quantità annuali di emissioni provenienti da fonti variabili debbano essere determinate attraverso stime tecniche o modelling in base agli input del processo (per esempio, quantità e tipi di prodotti chimici impiegati nel processo).

Creazione di un inventario delle emissioni atmosferiche:

È necessario un inventario specializzato che consenta di monitorare e gestire le emissioni e le relative fonti. Per preparare un inventario degli stabilimenti, è necessario includere le emissioni di tutte le attività e attrezzature ausiliarie. Deve essere effettuata una revisione periodica mirata all’aggiornamento dell’inventario. Questo inventario dovrebbe includere le fonti di emissioni regolamentate da autorizzazione e quelle non attualmente regolamentate.

Consigliamo di includere nell’inventario i seguenti elementi (fonte: GSCP):

  • Inquinanti noti o probabilmente presenti
  • Quantità di ciascun inquinante emesso
  • Punti di emissione / scarico
  • Dispositivi di controllo e i loro parametri di funzionamento
  • Frequenza del monitoraggio
  • Conformità agli obblighi di legge

Qui è possibile scaricare un esempio di inventario: https://www.sumerra.com/wp-content/uploads/Air-Emissions-Inventory.xlsx

Test delle emissioni (concentrazione): il test delle emissioni è talvolta regolato dalla concentrazione, che richiede che determinate sedi di test scendano al di sotto di una determinata emissione per volta. I test devono essere eseguiti durante scenari operativi rappresentativi e i test o calcoli non standard possono essere considerati separatamente. Ogni metodo di test e / o attrezzatura utilizzata per determinare le emissioni prevede probabilmente un tempo minimo e / o requisiti di ripetizione del test e queste variazioni statistiche devono essere prese in considerazione.

I test delle emissioni possono essere utilizzati per calcolare la quantità di emissioni attraverso il monitoraggio continuo o attraverso test discreti durante scenari operativi rappresentativi ed estrapolando dati nel corso di un anno o il funzionamento standard mediante calcoli. Ogni metodo di test e / o attrezzatura utilizzata per determinare le emissioni prevede probabilmente un tempo minimo e / o requisiti di ripetizione del test e queste variazioni statistiche devono essere prese in considerazione.

Stima delle emissioni (quantità): per ciascuna fonte di emissioni deve essere calcolata una quantità per ogni inquinante rilevante. Gli stabilimenti possono stimare le quantità delle loro emissioni impiegando una delle tecniche disponibili per la stima delle emissioni.

Ai fini della dichiarazione, i punti di scarico multipli da un tipo di fonte di emissioni (per esempio, caldaie o processi di applicazione di solventi) possono essere considerati una singola fonte di emissione o possono essere separati da ciascuna posizione. È necessario che la metodologia idonea sia applicata da professionisti specializzati; per esempio, tecnici di processo o tecnici ambientali.

Dichiarazione delle emissioni atmosferiche da operazioni nel FEM:

Prima di dichiarare i dati sulle emissioni atmosferiche nel FEM dalle fonti di operatività dello stabilimento, è necessario eseguire controlli di qualità dei dati per garantire che i dati E i processi utilizzati per calcolare e monitorare i dati sulle emissioni siano efficaci nel produrre dati accurati sulle emissioni atmosferiche.

Nota: la metodologia utilizzata per determinare le emissioni da ciascuna fonte deve essere selezionata e applicata da persone qualificate come un ingegnere di processo o ambientale.

  • Per ciascuna fonte, è necessario calcolare le quantità di emissione degli inquinanti. Questo può essere fatto utilizzando i dati dei test sulle emissioni e / o le stime tecniche.
  • Se la fonte non è regolamentata da un permesso o non è conforme al suo permesso richiesto, i dati sulle emissioni dalla fonte dovrebbero essere inclusi nella tabella dei dati della Domanda 1.
  • Elencate le attrezzature a cui sono collegate le emissioni. Nota: Se è presente più di una sorgente, elencare tutte le sorgenti (ad esempio, Caldaia 1 e Caldaia 2)
  • Selezionate gli inquinanti che non sono regolamentati da un’autorizzazione o non sono conformi dall’elenco a discesa. Nota: Se viene selezionato altro, fornite una descrizione nel campo “Commenti aggiuntivi”.
  • Elencate la quantità di inquinanti emessi dalla/-e fonte/-i. Le quantità di ogni inquinante devono essere sommate e inserite nell’Higg FEM. Ai fini della quantificazione, i punti di scarico multipli da un tipo di fonte di emissioni (ad es. caldaie, generatori, ecc.) possono essere considerati una singola fonte di emissioni nel FEM.
    • Nota: Se la quantità di emissione è elencata come concentrazione (ad esempio PPM o mg / m3), i dati sul flusso di scarico per le fonti devono essere inseriti nella tabella.
  • Se applicabile, indicate il metodo di prova o l’attrezzatura utilizzata per testare la fonte (ad es. metodo USEPA 5 per particolato o sistema di monitoraggio continuo delle emissioni in tempo reale per NOx, ecc.)

Aggiungete note nel campo “Commenti aggiuntivi” per descrivere eventuali ipotesi di dati, metodologie di stima o altri commenti pertinenti sulle quantità di inquinanti emesse per la fonte o le fonti.

Modalità di verifica della risposta:

Durante la verifica dei dati sulle emissioni atmosferiche di uno stabilimento, i verificatori devono esaminare tutti gli aspetti del programma di monitoraggio e di segnalazione delle emissioni dello stabilimento che potrebbero produrre imprecisioni, tra cui:

  • Fonti di dati sulle emissioni (ad esempio, relazioni relative a test, modelli di emissioni o altre stime tecniche); e
  • Il processo e gli strumenti utilizzati per aggregare i dati (ad es. calcoli di fogli di calcolo, conversioni di unità, ecc.)

Se vengono rilevate incongruenze o errori, le informazioni indicate devono essere corrette ove possibile e devono essere inclusi commenti dettagliati nel campo Dati di verifica.

Punteggio pieno

Documentazione richiesta:

  • Un inventario delle emissioni nell’aria per TUTTE le fonti relative all’operatività dello stabilimento.
  • Relazioni sui test/monitoraggio delle emissioni. I dati di test compilati in un foglio di calcolo (ad esempio Excel) vanno bene fintanto che le relazioni sui test sono disponibili per la revisione e i dati corrispondono alle informazioni riportate a tutte le domande a cui è stata data risposta.
  • Metodologia/calcoli di stima delle emissioni documentati ove applicabile
  • Le informazioni indicate in Higg per ciascuna fonte di emissioni possono essere verificate con evidenze appropriate, come attrezzature, fonti e quantità delle emissioni.

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza è in grado di spiegare l’elenco delle fonti di emissioni nell’atmosfera e il modo in cui inventariare ciascuna fonte, inclusa la metodologia per eventuali stime delle emissioni.

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Valutazione in loco dell’elenco delle fonti di emissione nell’atmosfera.
  • Accertatevi che tutte le attrezzature interessate siano presenti nell’elenco delle fonti.

Punteggio parziale

Documentazione richiesta:

  • La documentazione sulla conformità rilasciata dall’ente deputato ai permessi mostra che il rilascio è avvenuto meno di tre mesi prima
  • C’è un piano d’azione per tutte le fonti di emissioni giudicate non conformi 

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza sa spiegare il motivo della non conformità e i piani per tornare alla conformità

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Qualsiasi miglioramento ottenuto o lavoro effettuato per risolvere ogni non conformità. Scattate foto.

Selezionate tutte le fonti di emissioni in atmosfera derivanti da processi di produzione

  • Processi selezionati
  • Questa fonte produce emissioni?
  • Titolo della fonte delle emissioni
  • Monitori le emissioni di questa fonte?
  • Quali inquinanti si trovano in questa fonte?
  • Gli inquinanti sono regolamentati da un’agenzia governativa?
  • Se l’inquinante è regolato da un permesso, è conforme a questo permesso?
  • Se il vostro stabilimento non è conforme, aggiornate il piano d’azione per la sostanza rilevata
  • Se non è possibile caricare una copia, descrivete il piano d’azione
  • Se applicabile, caricate i rapporti sui test delle emissioni.
  • Osservazioni supplementari

Questa domanda valuta la qualità delle emissioni interne derivanti dai processi produttivi. Ciò include fonti di emissioni fuggitive derivanti dai processi produttivi (fonti senza camino che emettono aria nell’edificio che fuoriesce attraverso finestre, porte eccetera).

Nota: Nella versione futura Higg FEM richiederà il monitoraggio e la quantificazione dettagliati dei dati sulle emissioni e la guida tecnica e i requisiti di verifica di seguito sono forniti come riferimento.

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’obiettivo di questa domanda è che il vostro stabilimento sappia quali sono le le fonti delle emissioni atmosferiche di processo e metta in atto misure e riduzioni necessarie per monitorarle e gestirle.

Spiegazione tecnica:

Tutte le emissioni di processo devono essere monitorate, indipendentemente dal fatto che vengano catturate e scaricate in una ciminiera/un camino. Questi possono includere fonti non puntuali come la stanza di essiccazione o emissioni fuggitive come la polvere esterna.

Consigliamo di includere nell’inventario i seguenti elementi (fonte: GSCP):

  • Inquinanti noti o probabilmente presenti
  • Stima della quantità emessa
  • Punti o posizioni di emissioni/scarico, se applicabili
  • Eventuali dispositivi di controllo, se applicabili
  • Monitoraggi effettuati
  • Conformità alle norme di legge, se applicabili

Le emissioni da fonti non puntuali possono richiedere una diversa metodologia per determinare la quantità di inquinanti emessi. Si noti che il calcolo regolamentare specifico o la metodologia di segnalazione possono essere applicabili per le fonti fuggitive. Di seguito sono elencati ulteriori spiegazioni ed esempi di come è possibile determinare le emissioni in atmosfera:

  1. Basato sull’inventario (potenziale di emissione, PTE)
    • Un potenziale di emissione esamina gli inventari per tutte le emissioni atmosferiche, compresa la generazione di energia e la chimica di processo, per stabilire la quantità massima che potrebbe essere emessa da quello stabilimento. Ad esempio, se è stata acquistata 1 tonnellata di IPA, 1 tonnellata di IPA potrebbe potenzialmente essere emessa nell’aria. Questa è generalmente un’ipotesi molto prudente e fornisce il massimo potenziale di emissioni da un sito.
    • Per fornire una stima prudente durante il calcolo o la comunicazione delle quantità di emissioni in atmosfera, si stima spesso che il 100% degli inquinanti volatili sarà emesso nell’ambiente. Se abbiamo un intervallo percentuale sulla composizione (per esempio sulla scheda dati di sicurezza), possiamo usare la parte alta di questo intervallo
  2. Basato sull’inventario (potenziale di emissione + bilancio di massa e/o riduzione)
    • Una volta completata un’analisi di potenziale di emissione (PTE), è possibile aggiungere ipotesi di bilancio di massa e/o di riduzione. Ad esempio, se è stata acquistata 1 tonnellata di alcool isopropilico, ma 0,25 tonnellate sono andate al recupero del solvente, si potrebbe presumere che un massimo di 0,75 tonnellate verrebbe emesso nell’atmosfera. Tuttavia, se si utilizzasse un ossidante termico per abbattere le 0,75 tonnellate con un’efficienza del 90%, si calcola che soltanto 0,075 tonnellate verrebbero emesse in atmosfera. Questa stessa tecnica può essere applicata per molti usi diversi del bilancio di massa, inclusi il riutilizzo, le acque reflue e altre tipologie di rifiuti.
  3. Basato sui fattori di emissione (test in fabbrica o fuori sede)
    • I fattori di emissione rappresentano i tassi di emissione standard dato un determinato processo. Ad esempio, un processo che utilizza una ricetta di 1 kg di sostanza chimica può essere testato per dimostrare che solo 0,05 kg vengono rilasciati in atmosfera ogni volta che viene eseguita quella ricetta. In tal caso, per ogni kg di sostanza chimica utilizzata in quella fase del processo e in quello specifico strumento, è possibile moltiplicare 0,05 kg per ottenere le emissioni totali. Queste tipologie di test possono essere eseguite in sede o fuori sede da un soggetto terzo. Si noti che la ricetta generale e lo strumento devono essere uguali o abbastanza simili da generare le stesse emissioni affinché questo fattore possa essere utilizzato. A volte, per una dato stabilimento sono necessari centinaia o addirittura migliaia di fattori di emissione per rappresentare le loro operazioni. Tutti i test e la documentazione devono essere disponibili per utilizzare questo metodo. Laddove le ricette e il design degli strumenti non cambiano frequentemente o quando ricette simili vengono utilizzate per un periodo lungo, questo può essere un modo molto conveniente per stimare le emissioni per evitare test ripetitivi delle emissioni.

Il metodo di stima delle emissioni deve essere applicabile al tipo di fonte (per esempio, in caso di attività intermittenti o elevata variabilità delle composizioni chimiche è possibile stimare la quantità in base al consumo annuale di solventi per quel processo).

Esempio di bilancio di massa: le emissioni possono essere stimate in base alla composizione chimica dei materiali utilizzati (ad es. percentuale del contenuto COV o singolo inquinante) e alla quantità di sostanza chimica utilizzata ogni anno (ad es. litri/anno).

Ad esempio in un anno si usa un totale di 100 l di acetone per la smacchiatura. L’acetone ha una densità di 784 kg/m3. Se supponiamo che il 50% venga raccolto come rifiuto e il 50% emesso nell’ambiente, possiamo calcolare che 50 l X (784 kg/ m3/1000 l/m3) = 39,2 kg di acetone vengono emessi nell’aria ogni anno.

Un altro esempio: se il contenuto di COV in una sostanza chimica fosse di 5 g/l e lo stabilimento usasse 1.000 l all’anno, ma l’abbattimento fosse applicato al 90% di efficienza, le emissioni annuali sarebbero 5.000 g * (10%) = 500 g emessi.

In alcuni casi possono essere utilizzati fattori di emissione. Ad esempio, se quantità note di una sostanza chimica contenente azoto vengono miscelate con un’altra sostanza chimica non contenente azoto e i test rilevano le emissioni di ossido di azoto, è possibile utilizzare un fattore di emissione se la ricetta viene ripetuta senza modifiche. Se 1 kg della sostanza chimica originale causa sempre 0,3 kg di NOx, il fattore di emissione di NOx in questa ricetta è 0,3. Questi calcoli possono essere complessi, quindi utilizzate competenze chimiche e ambientali se scegliete questo metodo.

Riferimenti:

National Pollutant Inventory (NPI) Emission Estimation Techniques Manual for Textile and Clothing Industry (http://www.npi.gov.au/system/files/resources/1889355c-bdcc-f7d4-853f-203ddf3652bd/files/ftextile.pdf

US EPA Compilation of Air Pollutant Emissions Factors (AP-42): https://www.epa.gov/air-emissions-factors-and-quantification/ap-42-compilation-air-emissions-factors

Tutti gli esempi precedenti sono esempi di base per dimostrare i principi della stima delle emissioni. È necessario che la metodologia idonea sia applicata da professionisti specializzati; per esempio, tecnici di processo o tecnici ambientali.

Dichiarazione delle emissioni atmosferiche dalla produzione nel FEM:

Prima di dichiarare i dati sulle emissioni atmosferiche nel FEM dalle fonti di produzione, è necessario eseguire controlli di qualità dei dati per garantire che i dati E i processi utilizzati per calcolare e monitorare i dati sulle emissioni siano efficaci nel produrre dati accurati sulle emissioni atmosferiche. La guida fornita sulla comunicazione delle emissioni nella Domanda 1 di cui sopra dovrebbe essere utilizzata anche per la comunicazione delle emissioni da fonti di produzione in questa domanda.

Nota: la metodologia utilizzata per determinare le emissioni da ciascuna fonte deve essere selezionata e applicata da persone qualificate come un ingegnere di processo o ambientale.

Modalità di verifica della risposta:

Durante la verifica dei dati sulle emissioni atmosferiche di uno stabilimento, i verificatori devono esaminare tutti gli aspetti del programma di monitoraggio e di segnalazione delle emissioni dello stabilimento che potrebbero produrre imprecisioni, tra cui:

  • Fonti di dati sulle emissioni (ad esempio, relazioni relative a test, modelli di emissioni o altre stime tecniche); e
  • Il processo e gli strumenti utilizzati per aggregare i dati (ad es. calcoli di fogli di calcolo, conversioni di unità, ecc.)

Se vengono rilevate incongruenze o errori, le informazioni indicate devono essere corrette ove possibile e devono essere inclusi commenti dettagliati nel campo Dati di verifica.

Documentazione richiesta:

  • Un inventario delle emissioni in atmosfera per TUTTE le fonti di emissioni dai processi produttivi
  • Relazioni sui test/monitoraggio delle emissioni. I dati di test compilati in un foglio di calcolo (ad esempio Excel) vanno bene fintanto che le relazioni sui test sono disponibili per la revisione e i dati corrispondono alle informazioni riportate a tutte le domande a cui è stata data risposta.
  • Metodologia/calcoli di stima delle emissioni documentati ove applicabile
  • Le informazioni indicate in Higg per ciascuna fonte di emissioni possono essere verificate con evidenze appropriate, come attrezzature, fonti e quantità delle emissioni.

 Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza sa spiegare l’elenco delle fonti di emissioni in atmosfera e come fa l’inventario di ciascuna fonte

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • La valutazione in loco delle fonti di emissioni nell’atmosfera corrisponde a quanto elencato
  • Accertatevi che tutte le attrezzature interessate siano presenti nell’elenco delle fonti
  • Documentazione di supporto per i risultati dei test su tutte le fonti di emissioni (attrezzature) per quelle regolamentate dalla pubblica autorità competente / da un ente accreditato

Punteggio parziale

Documentazione richiesta:

  • La documentazione sulla conformità rilasciata dall’ente deputato ai permessi mostra che il rilascio è avvenuto meno di tre mesi prima
  • C’è un piano d’azione per tutte le fonti di emissioni giudicate non conformi 

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza sa spiegare il motivo della non conformità e i piani per tornare alla conformità

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Qualsiasi miglioramento ottenuto o lavoro effettuato per risolvere ogni non conformità. Scattate foto.

Monitorate l’uso / le emissioni di refrigeranti?

Se sì, selezionate tutti i refrigeranti aggiunti alle attrezzature esistenti

  • Refrigerante
  • Quantità di refrigerante aggiunta alle apparecchiature già presenti in quest’anno di riferimento
  • Unità di misura
  • Quale metodo è stato utilizzato per monitorare le emissioni di questa fonte?
  • Qual è il vostro piano per la riparazione di questa perdita?

Questa domanda contribuirà al calcolo delle emissioni di gas serra; per questo motivo, è importante inserire dati precisi sulle quantità fuoriuscite. Vi ricordiamo che i risultati ottenuti dal calcolo dei gas serra servono a fornire delle indicazioni utili ad un eventuale miglioramento; il calcolo non fornisce dei risultati attendibili sul gas serra che possono essere utilizzati per documenti pubblici.

Il fatto di aver dovuto aggiungere dei refrigeranti alle apparecchiature esistenti significa che il sistema ha avuto una perdita. Se i refrigeranti a base di CFC vengono mantenuti nell’edificio, è necessario ridurre la perdita annua al 5% o meno e ridurre la perdita totale durante la vita residua dell’apparecchio fino a meno del 30% della carica del refrigerante.

Rispondete NO SOLTANTO se non avete aggiunto refrigeranti aggiuntivi a nessuna attrezzatura esistente nell’anno di riferimento. Vi sarà attribuito il punteggio pieno.

Se non sapete se nell’anno di riferimento sono stati aggiunti refrigeranti a una qualsiasi attrezzatura esistente, dovreste rispondere Sconosciuto.

Se sapete che sono stati aggiunti refrigeranti, ma non conoscete la quantità, dovete selezionare alla domanda ” Il vostro stabilimento ha aggiunto ulteriori refrigeranti a qualsiasi attrezzatura esistente nell’anno di riferimento?”, e selezionare No alla domanda “Monitorate l’uso/le emissioni di refrigerante?”

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’intento è di inserire dati quantitativi che mostrano la quantità di refrigerante emessa dal vostro stabilimento nell’anno di riferimento. Questa domanda vi aiuta anche a identificare quali refrigeranti vengono utilizzati, dove vengono utilizzati nel vostro stabilimento e in che quantità vengono potenzialmente emessi nell’atmosfera.

Spiegazione tecnica:

I refrigeranti sono sostanze che riducono lo strato di ozono che possono contribuire in modo nocivo alle emissioni di gas serra e al cambiamento climatico a causa del potenziale di riscaldamento globale (GWP) relativamente elevato che hanno i comuni refrigeranti. I refrigeranti vengono spesso prodotti dalle perdite delle attrezzature, dalla manutenzione e dallo smaltimento.

Sebbene la maggior parte delle attrezzature moderne sia progettata per ridurre al minimo le perdite, è importante identificare le perdite se si verificano. Le perdite vengono in genere identificate dalla necessità di aggiungere ulteriore refrigerante all’attrezzatura. È anche importante disporre di un piano d’azione per riparare le perdite e/o aggiornare le attrezzature per eliminare le perdite di refrigerante.

Se vengono utilizzati refrigeranti in loco, è necessario prendere in considerazione soluzioni per eliminare gradualmente questi gas. Un’altra soluzione è utilizzare refrigeranti con un potenziale di riscaldamento globale (GWP) inferiore come gli HFO nelle applicazioni di refrigeranti, propellenti aerosol e agenti schiumogeni. Consultate il seguente elenco di refrigeranti con i numeri di riferimento per determinare quali dei vostri refrigeranti è importante monitorare e eliminare: https://www.ashrae.org/standards-research–technology/standards–guidelines/standards-activities/ashrae-refrigerant-designations.

I CFC e gli HCFC vengono gradualmente eliminati in base a un accordo internazionale – il Protocollo di Montreal – a favore degli HFC: potenti gas serra con elevati GWP che vengono rilasciati nell’atmosfera durante i processi produttivi e attraverso perdite, manutenzione e smaltimento delle apparecchiature in cui vengono utilizzati. Le idro-fluoro-olefine (HFO) di recente sviluppo sono un sottoinsieme degli HFC e sono caratterizzate da brevi periodi di vita atmosferica e bassi GWP. Gli HFO vengono attualmente introdotti come refrigeranti, propellenti aerosol e agenti schiumogeni.

Per ulteriori informazioni sull’eliminazione graduale delle sostanze ozono lesive: https://www.epa.gov/ods-phaseout

  • Le sostanze NON incluse in questo ambito includono:
    • La produzione e il consumo di prodotti minerali come il cemento, la produzione di metalli come ferro e acciaio e la produzione di prodotti chimici. (CO2)
    • La produzione di acido adipico, che viene utilizzato per produrre fibre, come il nylon e altri prodotti sintetici. (N2O)
    • Produzione, lavorazione, stoccaggio, trasmissione e distribuzione di gas naturale e petrolio greggio; estrazione di carbone. (CH4)
    • Operatività zootecnica industriale, discariche e trattamento anaerobico delle acque reflue. (CH4)
    • Gestione dei terreni agricoli, produzione e distribuzione di fertilizzanti sintetici e gestione del concime zootecnico. (N2O)
    • Pratiche forestali e uso del territorio. (CO2)
    • I perfluorocarburi sono composti prodotti come sottoprodotto di vari processi industriali associati alla produzione di alluminio e alla fabbricazione di semiconduttori. (PFC)
    • L0HFC-23 è un sottoprodotto della produzione di HCFC-22. (HFC)
    • L’esafluoruro di zolfo (SF6) viene utilizzato nella lavorazione del magnesio e nella fabbricazione di semiconduttori, come gas tracciante per il rilevamento di perdite, e nelle apparecchiature di trasmissione elettrica, compresi gli interruttori automatici.

Per ulteriori risorse, visitate:

Monitoraggio dell’uso di refrigeranti:

Identificare e monitorare l’uso di refrigeranti è il primo passo nella gestione dell’uso dei refrigeranti in loco. Quando stabilite il vostro programma di monitoraggio e di indicazione, iniziate facendo quanto segue:

  • Mappate tutte le attrezzature dello stabilimento (attrezzature di produzione e operative) per identificare quelle che contengono refrigeranti.
    • Ciò dovrebbe includere l’identificazione della tipologia di refrigerante specifico utilizzato nell’attrezzatura (ad es. R-22).
  • Stabilite procedure per determinare la quantità di refrigerante rilasciata (ad es. attraverso perdite, smaltimento, ecc.) da ciascuna attrezzatura.
    • In generale, la quantità di refrigerante rilasciata è uguale alla quantità di refrigerante aggiunta all’attrezzatura (vedere calcolo del tasso di perdita indicato di seguito)
    • Anche le fatture di acquisto dei refrigeranti o le documentazioni di manutenzione possono essere utili per determinare le quantità rilasciate.
    • Se si utilizzano tecniche di stima, la metodologia di calcolo dovrebbe essere chiaramente definita ed essere supportata da dati verificabili.
  • Registrate i dati di tracciamento (ad es. registrazioni mensili, annuali delle perdite o delle ricariche) in un formato facile da esaminare [ad es. foglio di calcolo (ad es.Microsoft Excel) o un programma di analisi dei dati simile che consente l’esportazione dei dati in un formato facile da esaminare (ad es. foglio di calcolo Microsoft Excel o un programma analogo di analisi dei dati che consente l’esportazione di dati in un formato di facile lettura, ad es. Excel o csv) e conservate le prove di supporto pertinenti per la revisione durante la verifica.

Calcolare un tasso di perdita

Quando si determina la quantità di refrigerante emessa da un’attrezzatura, si considera generalmente che la quantità di refrigerante emessa è uguale alla quantità che è stata aggiunta all’attrezzatura dopo un periodo di tempo per riportare l’attrezzatura a una carica completa.

  • Ad esempio, se ricaricate completamente il refrigerante nell’unità Refrigeratore, dopo un anno di funzionamento è necessario aggiungere 0,5 kg per ricaricare completamente l’unità, si presume che 0,5 kg siano stati emessi a causa di perdite o manutenzione durante l’anno.

Quando si tracciano le emissioni di refrigerante, uno stabilimento può misurare e registrare direttamente la quantità di refrigerante aggiunta a un’attrezzatura nell’anno di riferimento oppure può essere determinato un tasso di perdita utilizzato per stimare le emissioni.

Il tasso di perdita è tipicamente espresso come la percentuale di una ricarica completa che andrebbe persa in un periodo di 12 mesi. L’esempio seguente è un modo per calcolare un tasso di perdita.

  1. Prendete i chilogrammi (kg) di refrigerante aggiunti per ricaricare il sistema a una ricarica completa e divideteli per i kg di refrigerante di una normale ricarica completa del sistema.
  2. Determinate il numero di giorni che sono trascorsi tra le ricariche (ad es. il numero di giorni tra l’ultima volta che è stato aggiunto del refrigerante e l’aggiunta odierna), quindi dividete per 365 (il numero di giorni in un anno).
  3. Prendete i kg di refrigerante determinati nel passaggio 1 e divideteli per il numero di giorni determinati nel passaggio 2.
  4. Infine, moltiplicate per 100% (per determinare una percentuale).

Per esempio:

Refrigeratore 1

  • Refrigerante aggiunto = 1kg
  • Ricarica completa = 5 kg
  • Giorni di intervello tra le ricariche = 275

Tasso di perdita = (1kg ÷ 5kg) ÷ (275 ÷ 365) x 100% = 26,5%

Pertanto, questa unità refrigeratore perde/emette 1,33 kg (26,5% di una carica completa) di refrigerante in un anno.

Nota: i tassi di perdita possono essere utilizzati anche per determinare quando l’attrezzatura potrebbe richiedere assistenza aggiuntiva o sostituzione.

Indicare i dati relativi ai refrigeranti nel FEM:

Prima di indicare i dati dei refrigeranti nel FEM, è necessario eseguire controlli di qualità dei dati per garantire che i dati E i processi utilizzati per raccogliere e registrare i dati siano efficaci nel produrre dati energetici accurati.

Cosa fare:

  • Esaminate i dati di origine (ad es. registri di manutenzione delle attrezzature, registri di assistenza, fatture di acquisto di refrigerante, ecc.) rispetto ai totali aggregati per assicurarvi che siano accurati.
  • Assicuratevi che vengano utilizzate le versioni più recenti e aggiornate dei fogli di calcolo per il tracciamento dei dati e che tutti i calcoli / le formule automatizzati siano corretti.
  • Assicuratevi che vengano riportate le unità corrette e verificate eventuali conversioni di unità dai dati di origine ai dati indicati.
  • Esaminate qualsiasi metodologia / calcolo di ipotesi o stima per garantire l’accuratezza.
  • Indicate il metodo di tracciamento corretto nel FEM (ad esempio misurazione, tasso di perdita, stima)

Cosa non fare:

  • Non indicate i dati che non sono accurati (ad esempio, la fonte dei dati è sconosciuta o non è stata verificata).
  • Non indicate i dati stimati se non sono supportati da una metodologia e da dati di stima verificabili e ragionevolmente accurati (ad es. percentuale di perdita o calcoli tecnici).

Modalità di verifica della risposta:

Durante la verifica dei dati relativi ai refrigeranti dello stabilimento, i verificatori devono esaminare tutti gli aspetti del programma di monitoraggio dello stabilimento che potrebbero produrre imprecisioni, tra cui:

  • I processi di raccolta dati iniziali e le fonti di dati (ad es. registri di manutenzione delle attrezzature, registri di assistenza, fatture di acquisto di refrigerante, ecc.) e
  • Il processo e gli strumenti utilizzati per aggregare i dati (ad es. calcoli di fogli di calcolo, calcoli dei tassi di perdita, ecc.)

Se vengono rilevate incongruenze o errori, le informazioni indicate devono essere corrette ove possibile e devono essere inclusi commenti dettagliati nel campo Dati di verifica.

Punteggio pieno

Documentazione richiesta:

  • Tutte le apparecchiature con refrigeranti dispongono di un registro di manutenzione che comprende l’aggiornamento delle sostituzioni dei refrigeranti
  • Questi dati devono indicare che nel 2019 non sono stati aggiunti refrigeranti

Domande da porre nel colloquio:

  • Il/i dipendente/i responsabile/i della manutenzione dell’apparecchiatura con refrigerante sa descrivere il processo e la frequenza con cui si valuta la presenza di perdite nell’apparecchiatura?

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Registri ben tenuti sulla manutenzione delle apparecchiature
  • Possibili perdite di refrigerante

Punteggio parziale

Documentazione richiesta:

  • Tutte le apparecchiature con refrigeranti dispongono di un registro di manutenzione che comprende l’aggiornamento delle sostituzioni dei refrigeranti
  • I registri dell’apparecchiatura mostrano data, tipo specifico e la quantità di refrigerante aggiunto
  • La fonte della perdita o delle perdite è stata identificata
  • Esistono un piano d’azione e un dipendente incaricato per provvedere rapidamente alla riparazione della perdita

Domande da porre nel colloquio:

  • Il/i dipendente/i responsabile/i della manutenzione dell’apparecchiatura con refrigerante sa descrivere il processo e la frequenza con cui si valuta la presenza di perdite nell’apparecchiatura?
  • Il dipendente responsabile della riparazione di eventuali perdite sa descrivere il lavoro che sta svolgendo per risolvere il problema / i problemi?

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Registri ben tenuti sulla manutenzione delle apparecchiature
  • Qualsiasi evidenza che le perdite vengono trattate dal personale responsabile della manutenzione dell’apparecchiatura
  • Fonte
  • Avete dispositivi di controllo/processo di abbattimento per questa risorsa?
  • Quali dispositivi di controllo, processi di abbattimento o attrezzature di sicurezza sono stati utilizzati per questa fonte di emissioni di aria?
  • Qual è stata la frequenza del monitoraggio?

Si consiglia di caricare: i documenti dei test sulle emissioni eseguiti dai dispositivi di controllo o dai processi di abbattimento.

Rispondete Sì solo se avete dispositivi di controllo installati e in funzione per tutte le fonti di emissioni derivanti dai supporti operativi.

Rispondete Sì, in parte solo se avete dispositivi di controllo installati e in funzione per alcune fonti di emissioni derivanti dai supporti operativi. Questa domanda non riguarda i controlli di qualità per le emissioni che influiscono sulla qualità dell’aria interna e che derivano da processi produttivi.

Definizione di emissioni da fonti puntuali: flusso d’aria controllato in qualche modo e rilasciato nell’atmosfera da un’unica fonte come una ciminiera. Queste emissioni possono essere correlate agli stabilimenti, come le emissioni delle caldaie, o correlate al processo, come i sistemi di scarico per l’uso di sostanze chimiche volatili.

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’obiettivo di questa domanda è capire se lo stabilimento dispone di controlli efficaci per gestire e limitare le emissioni in atmosfera derivanti da tutte le fonti puntuali.

I dispositivi di controllo o di abbattimento dell’inquinamento atmosferico sono le tecniche impiegate per ridurre o eliminare le emissioni in atmosfera di sostanze che possono nuocere all’ambiente o alla salute umana, derivanti dall’operatività. Il processo di abbattimento può variare da un processo semplice a un dispositivo e apparecchiatura di controllo sofisticati, in base alla fonte di emissioni in atmosfera e alla necessità. Se lo stabilimento soddisfa lo standard obbligatorio per l’emissione in atmosfera, è molto probabile che vi sia già in funzione un processo di abbattimento o che l’apparecchiatura esistente integri già un dispositivo di controllo. Fra gli esempi di dispositivi ci sono depolverazione, estrattori d’aria (DCE), depuratori e inceneritori.

Spiegazione tecnica:

Questa domanda si applica principalmente alle emissioni fonti puntuali/di ciminiere. Ad esempio, questo può includere caldaie di impianti o altre ciminiere degli scarichi di processo. I mezzi di controllo su queste emissioni possono essere depolveratori, depuratori, inceneritori eccetera.

Il monitoraggio e la manutenzione dei dispositivi di controllo e di abbattimento devono essere inclusi nel programma di manutenzione preventiva della vostra fabbrica e nelle liste di controllo per le ispezioni visive previste, in modo che eventuali problemi possano essere identificati tempestivamente.

L’efficacia e l’efficienza dei dispositivi di controllo è generalmente evidenziata attraverso dati di monitoraggio/test. Pertanto, se non conducono monitoraggi regolari, a questa domanda gli stabilimenti devono rispondere No.

Punteggio: Sarà attribuito il punteggio pieno se lo stabilimento dispone di processi d’abbattimento di controllo (quando tecnicamente applicabile) per tutte le emissioni in atmosfera fuggitive da fonte puntuale / camino identificate o potenziali che risultino in minori quantità di emissioni altrimenti riscontrate se lo stabilimento non disponesse di controlli. Questo ovviamente richiede conferma e quindi dati di monitoraggio/test come indicato sopra.

Modalità di verifica della risposta:

Documentazione richiesta:

  • Schemi, descrizioni o procedure riguardanti dispositivi di controllo o processi di abbattimento
  • Documenti con dati sulla calibrazione e la manutenzione dei dispositivi di controllo elencati

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza e i dipendenti responsabili sanno descrivere i dispositivi di controllo o i processi di abbattimento in atto nello stabilimento, e in che modo riducono le emissioni

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Verificate che i dispositivi di controllo elencati siano effettivamente dove devono essere, che siano in funzione e in buone condizioni operative (con manutenzione e osservazione periodiche da parte del personale responsabile) per tutte le fonti delle emissioni derivanti dai supporti operativi

Sì, in parte

  • Come “sì” ma con dispositivi di controllo installati per alcune ma non tutte le fonti di emissioni derivanti dalle operazioni.

Materiali: Questa domanda può essere impiegata per determinare le risposte a Home and Apparel Textiles Toolkit di The Sustainability Consortium. L’indicatore detto The Air Quality – Manufacturing Key Performance Indicator chiede agli intervistati se le emissioni in atmosfera annuali sono tracciate e dichiarate dagli impianti di produzione finali. I dati degli stabilimenti possono essere aggregati dai brand per rispondere alla domanda di TSC.

  • Fonte
  • Avete dispositivi di controllo/processo di abbattimento per questa risorsa?
  • Quali dispositivi di controllo, processi di abbattimento o attrezzature di sicurezza sono stati utilizzati per questa fonte di emissioni di aria?
  • Qual è stata la frequenza del monitoraggio?

Si consiglia di caricare: i documenti dei test sulle emissioni eseguiti dai dispositivi di controllo o dai processi di abbattimento.

Rispondete Sì solo se avete dispositivi di controllo installati e in funzione per tutte le fonti di emissioni derivanti da processi di produzione.

Rispondete Sì, in parte se avete dispositivi di controllo installati e in funzione per alcune fonti di emissioni derivanti da processi di produzione.

Definizione di sorgenti non puntuali o emissioni fuggitive: per Higg FEM, queste fonti di emissioni atmosferiche sono quelle che vengono rilasciate nell’ambiente interno o esterno generale. Queste tipologie di emissioni sono tipicamente correlate a processi come la serigrafia, la smacchiatura, la tintura, ecc.).

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’intento di questa domanda è comprendere se lo stabilimento dispone di controlli efficaci per gestire e limitare le proprie emissioni da fonti non puntuali o fuggitive di emissioni in atmosfera.

I dispositivi di controllo o di abbattimento dell’inquinamento atmosferico sono le tecniche impiegate per ridurre o eliminare le emissioni in atmosfera di sostanze che possono nuocere all’ambiente o alla salute umana. Il processo di abbattimento può variare da un processo semplice a un dispositivo e apparecchiatura di controllo sofisticati, in base alla fonte di emissioni in atmosfera e alla necessità. Ad esempio, questo può includere lo scarico che viene trattato per i COV da un essiccatoio.

Spiegazione tecnica:

Questa domanda si applica principalmente a qualsiasi fonte non puntuale che genera emissioni e può influire sia sulla qualità dell’aria interna che sull’ambiente. Sono esempi di processi di produzione che generano emissioni:

  • Macchine per stampa digitale che producono i propri coloranti/inchiostri sciogliendo i coloranti solidi (solitamente coloranti acidi, reattivi e dispersi) utilizzando sistemi di solventi che includono tra gli altri glicoli, diossani.
  • Macchine per accoppiatura e spalmatura che impiegano solventi
  • Macchine per tintura di filati da ricamo che generalmente impiegano filato in filamenti di viscosa con leucocoloranti in polvere
  • Macchine per montaggio di calzature che impiegano sistemi atomizzatori per la colorazione delle suole
  • Macchine per rivestimento / spruzzatura del pellame che utilizzano camere di erogazione del liquido
  • Macchine per la stampa a trasferimento termico che impiegano solventi
  • Processi di lavaggio a secco che impiegano solventi alogenati
  • Dispositivi di irrorazione di permanganato di potassio (PP)
  • Macchine per stampaggio che impiegano processi di spalmatura o di fusione eccetera.
  • Trattamenti termici di tessuti o capi dopo la tintura
  • Altri impieghi di solventi o adesivi (per esempio, incollaggio o priming)

I controlli per queste emissioni possono includere cappe aspiranti o ventilazioni di scarico locali con dispositivi di controllo aggiuntivi o processi di abbattimento, sistemi di recupero dei solventi, dispositivi di adsorbimento o filtri a manica che intercettano polveri/bioccoli, ecc.

Il monitoraggio e la manutenzione dei dispositivi di controllo e di abbattimento devono essere inclusi nel programma di manutenzione preventiva della vostra fabbrica e nelle liste di controllo per le ispezioni visive previste e altri test richiesti, in modo che eventuali problemi possano essere identificati tempestivamente.

Punteggio: Sarà attribuito il punteggio pieno se lo stabilimento dispone di processi d’abbattimento o controlli (quando tecnicamente applicabile) per tutte le emissioni in atmosfera fuggitive identificate o potenziali che risultino in minori quantità di emissioni altrimenti riscontrate se lo stabilimento non disponesse di controlli.

Modalità di verifica della risposta:

Documentazione richiesta:

  • Schemi, descrizioni o procedure riguardanti dispositivi di controllo o processi di abbattimento
  • Documenti con dati sulla calibrazione e la manutenzione dei dispositivi di controllo elencati

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza e i dipendenti responsabili sanno descrivere i dispositivi di controllo o i processi di abbattimento in atto nello stabilimento, e in che modo riducono le emissioni

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Verificate che i dispositivi di controllo elencati siano effettivamente dove devono essere, che siano in funzione e in buone condizioni operative (con manutenzione e osservazione periodiche da parte del personale responsabile) per tutte le fonti delle emissioni derivanti da processi di produzione.

Sì, in parte

  • Come “Sì”, ma i dispositivi di controllo sono installati per alcune e non tutte le fonti di emissioni da processi di produzione.

Emissioni in atmosfera – Livello 2

Questions
  • Se sì, specificate il livello.

Caricate i risultati dei test condotti sulle emissioni di PM, SO2 e NOx

Higg FEM incoraggia prestazioni di emissioni atmosferiche che vanno oltre la conformità. Al momento, tuttavia, non esiste uno standard per le emissioni in atmosfera dell’industria dell’abbigliamento, delle calzature e del tessile. Se entrasse in vigore uno standard per le emissioni in atmosfera, aggiorneremo di conseguenza i nostri strumenti.

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’obiettivo di questa domanda è dimostrare se il vostro stabilimento ha migliorato le emissioni in atmosfera oltre i livelli minimi di conformità.

Spiegazione tecnica:

Soddisfare uno standard per le emissioni in atmosfera: le emissioni in atmosfera sono generalmente gestite in base a un limite specifico stabilito dalle normative locali. Nell’ottica della sostenibilità, tuttavia, è importante superare i minimi di conformità e mirare alla performance più elevata possibile. Attualmente non esiste uno standard delle emissioni in atmosfera per il settore, quindi la sezione specifica Aria di Higg FEM si avvale di un sistema di limiti sviluppato dalla collaborazione tra varie parti e allineato alle migliori indicazioni oggi disponibili in materia di inquinanti atmosferici.

La sezione Atmosfera dello Higg FEM vi invita a ridurre il più possibile i limiti degli inquinanti impostando tre livelli di limiti per i dispositivi con combustione (per esempio, caldaie e generatore) che emettono ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx) e particolato (PM). Questi limiti sono stati identificati attraverso le Linee Guida sulle emissioni degli stabilimenti con dispositivi a piccola combustione, redatte da IFC (link: https://www.ifc.org/wps/wcm/connect/532ff4804886583ab4d6f66a6515bb18/1-1%2BAir%2BEmissions%2Band%2BAmbient%2BAir%2BQuality.pdf?MOD=AJPERES) e attraverso gli standard di Sri Lanka, Belgio, Australia, Germania (oltre 50 MW), Giappone e India. SAC o un’altra organizzazione del settore perfezionerà questi limiti nel tempo o li sostituirà con un altro standard, se ne dovesse emergere uno dedicato all’industria dell’abbigliamento.

È possibile valutare diverse opportunità per la riduzione delle emissioni alla fonte rispetto a questi limiti di emissione. Gli esempi includono il retrofit della caldaia per impiegare combustibile più pulito, il miglioramento del dispositivo di controllo per ridurre le emissioni eccetera.

Bozza di standard delle emissioni per caldaie e generatori (Unità di misura: mg/Nm3):

Piccola (meno di 50 MW) 

Livello 1

Di base

Livello 2

Strategico

Livello 3

Aspirazionale

PM15010050
SO220001000400
NOx650300200
Media (50 MW – 300 MW) Livello 1Livello 2Livello 3
PM1508050
SO215001000200
NOx600300150
Grande (superiore a 300 MW) Livello 1Livello 2Livello 3
PM1005030
SO2850600150
NOx510200150

Modalità di verifica della risposta:

Documentazione richiesta:

  • I risultati dei test sulle emissioni che mostrano che l’impianto è andato oltre i requisiti di autorizzazione per ottenere un livello più elevato di prestazioni dell’aria in ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx) e particolato (PM).
  • Un piano in atto o una descrizione del progetto che illustri le misure intraprese per ottenere questi risultati. La documentazione deve includere l’elenco delle attrezzature e/o delle modifiche al processo, insieme ai dati indicanti la variazione delle emissioni derivante dai miglioramenti apportati.

Domande da porre nel colloquio:

  • La dirigenza sa spiegare le azioni che hanno portato lo stabilimento a superare i requisiti minimi dei permessi

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Elementi di riferimento elencati nel piano, comprese apparecchiature o processi impiegati per ottenere una performance più elevata nelle emissioni in atmosfera.

Emissioni in atmosfera – Livello 3

Questions

Caricate: documentazione dei piani / del processo per l’aggiornamento delle apparecchiature o documentazione degli aggiornamenti recenti

Selezionate “Sì” se disponete di un piano documentato per aggiornare i macchinari o se tutti i macchinari sono stati aggiornati alla versione più recente, poiché questo è uno dei modi migliori per controllare gli inquinanti e ridurre al minimo le emissioni atmosferiche.

Qual è l’obiettivo della domanda?

L’obiettivo è che lo stabilimento sia in grado di condividere o dimostrare pratiche avanzate di controllo degli inquinanti atmosferici.

L’aggiornamento delle attrezzature è un metodo efficace per ridurre o eliminare le emissioni nell’atmosfera e il problema della qualità dell’aria interna. Gli studi di fattibilità sono utili per identificare e valutare la possibilità di aggiornare le attrezzature (per esempio, sostituzione delle attrezzature, modifica delle attrezzature presenti, ulteriore ottimizzazione delle attrezzature per l’abbattimento, ecc.) per ridurre le emissioni (GSCP).

Spiegazione tecnica:

Le attrezzature antiquate o funzionanti in modo inefficace spesso non utilizzano la migliore tecnologia disponibile (BAT) o la migliore tecnologia di controllo disponibile (BACT) per il controllo delle emissioni atmosferiche. Pertanto le attrezzature attuali possono determinare maggiori emissioni in atmosfera rispetto alle attrezzature più recenti e moderne. Modernizzare i macchinari significa riadattare i macchinari esistenti con nuove tecnologie o acquistare nuove attrezzature con tecnologie più avanzate per il controllo delle emissioni atmosferiche.

Un esempio è l’aggiornamento del sistema di refrigerazione e/o di condizionamento dell’aria in modo che possano utilizzare refrigeranti con potenziale di riscaldamento globale (GWP) inferiore o sostituire i gas ozono lesivi (ODS) con gas più rispettosi dell’ambiente.

Un altro esempio è l’acquisto di una nuova caldaia o un nuovo generatore alimentati da combustibili più puliti e che pertanto producano meno emissioni in atmosfera.

Modalità di verifica della risposta:

Documentazione richiesta:

  • Caricate: documentazione dei piani / del processo per l’aggiornamento delle apparecchiature o documentazione degli aggiornamenti recenti
  • Elenco dei recenti aggiornamenti delle apparecchiature (se applicabile)

Domande da porre nel colloquio:

  • La direzione è in grado di descrivere il piano / il processo per gli aggiornamenti delle apparecchiature o la documentazione degli aggiornamenti recenti.

Ispezione – cose da verificare fisicamente:

  • Verificate gli aggiornamenti delle apparecchiature nello stabilimento rispetto al piano in atto

 

top
X